Sounds

Una vera e propria tempesta in mare aperto. Immaginate un navigatore stanco che si lascia cullare dalle onde di un mare in tempesta. Nelle dinamiche sonorità dell’infrangersi delle onde, egli riscopre tutte le note di una scala musicale. È un blues di sensazioni che convergono violentemente sulle superfici bianche di un folgio di carta, con la prepotenza di una matita a pasta morbida e l’ardore di un navigante che vuole arrivare alla riva della prima spiaggia all’orizzonte. È un viaggio tra isole sconosciute accompagnato dalla colonna sonora del mare, come se tutto fosse un volo leggiadro a pelo d’acqua.

tecnica/supporto

china, pastelli ad olio, matite colorate, grafite su carta a mano di Amalfi.